FILASTROCCA SCARABOCCHIO

Una mattina
guardandosi le dita
Lapo scoprì di esser diventato
una grande matita

Una matita diventato?
Qualcuno deve avermi inventato!
Sì, dev’esserci un errore.
Fosse stato per caso un autore?

Non ci son trucchi
solo scarabocchi
Dai, Lapo Matita
fa che i tuoi segni sian calamita

E attragan lo sguardo delle persone
persino quelle sul balcone
E fa che esclamino: è una margherita!
Quando è solo il disegno di una matita

Senti un po’, ma è da pazzi
disegnar sui palazzi
E se qualcuno me li cancella?
E se qualcuno chiude i cancelli?

No… tu non ti preoccupare
Pensa soltanto a disegnare
E fa che il mondo sia come una tela
E i tuoi sogni una bella barca a vela
Che ti faccian viaggiare
sopra ogni onda di mare

Sì, bravo tu, pensi solo a viaggiare
sopra ogni onda di mare
Quando io devo anche mangiare
E soprattutto lavorare

Caro Lapo Matita,
questa non è una partita
Si tratta di felicità
per me, per te e per tutta la città.

Ora capisco,
è tutto chiaro.
È come un disco.
Se la sua musica è bella
tutti possono ascoltarla
anche Mirella.

Bravo Lapo
ora puoi andare
Ma sta attento
a non inciampare!

E dì a tua madre
che può star tranquilla
È una brava ragazza
quella Mirella!


FILASTROCCA SCHIRIBIZZO

Caro Lapo, sei stato tu a dire
Voglio una vita
Temperata
Come una matita

E poi che sarà mai?
Al posto delle dita
Hai una matita
Al posto della testa
Di grafite, hai una bella cresta
Al posto dei piedi
Come vedi
Hai una punta
Però, non ti impuntare
E vedrai che la tua storia
Rimarrà nella memoria
Delle persone divertenti
Che fan vedere sempre i denti
E delle persone immaginose
A cui piaccion le mimose
E delle genti interessanti
Che ogni giorno vanno avanti

E con Stella?
Come la mettiamo con quella?
E con Franco?
Che è sempre stanco
E il magnate?
Quello è un magnete.
Ha sempre sete.
Non mi lascia in pace.
È sempre vorace.
Vuole farmi fare un programma
Mamma!
No, io il programma non lo voglio fare
Voglio solo disegnare.

Lapo, fai una bella faccia
che mai si dispiaccia!
Fanne una tosta
e portala alla posta!
Fanne una bella
e regalala a Mirella!

FILASTROCCA PASTROCCHIO

Caro scrittore, io ho un po’ fretta
allora dimmi, quale destino mi spetta?
Sono curioso di ascoltare
Di sicuro la storia vorrai continuare

Caro Lapo, ho già proseguito
Non ho mai smesso di sentirmi ispirato
Ti aspettano storie avvincenti
e una vita fatta di spostamenti.

No, non ho capito
Vuoi fare di me un emigrato?
Non ho tempo per viaggiare
Io voglio solo disegnare

Pensavo a te come un avventuriero
Che solca i mari con un veliero
Alla ricerca di un tesoro
Che vale più di ogni lavoro.

Una matita pirata?
Ma è una cosa inaudita!
Dovrei disegnarmi anche la benda!
No, no questa non è una bella vicenda.

Allora esplorerai lo spazio profondo
e lo farai ogni secondo
Disegnerai tutte le stelle
e mangerai solo frittelle

Una matita astronauta?
Ma io non sono un pilota!
Caro scrittore, io ho un sospetto
che tu voglia farmi un bel dispetto!

Metti in dubbio la mia fantasia
tu che non hai mai scritto una poesia
Sentiamo un po’ cos’hai da dire
già mi sembra di impazzire

Non voglio farti arrabbiare
ma alle piccole cose devi pensare
E se anziché arrivare su ogni stella
non ripartissimo da Mirella?

Filastrocca Trequanda

Annunci